09 feb 2017

L'ultimo bagliore - Il nuovo romanzo di Giuseppe Filidoro




“Sorrise amaro, nel considerare di quanta presunzione si nutre l’uomo coltivando l’illusione di avere il controllo del tempo, come se ne fosse padrone, e non di questo solo un misero ostaggio




L’ultimo bagliore” (Osanna Edizioni), il secondo romanzo di Giuseppe Filidoro è la conferma di un nuovo talento capace di emozionare, trovando nella scrittura un luogo privilegiato a cui affidare pensieri e riflessioni sull’animo umano e la sua coscienza. L’incipit del romanzo ci trasmette già la percezione di un preciso proposito dell’autore di consegnarci metaforicamente un messaggio essenziale, particolarmente incentrato sui meccanismi impietosi della mente nonché sui tanti subbugli dell’essere.
Ogni esperienza narrata è un’epifania retrospettiva ove il passato, tramite un preciso percorso narrativo, attiva la memoria involontaria del Sé. Siamo di fronte a temi incandescenti quali la morte, la violenza, il senso di colpa, il senso del peccato e il desiderio di espiazione, la fragilità dell’uomo e la forza del destino che, discontinui e imprevedibili secondo la loro essenza più vera, s’insinuano dentro le pieghe del presente delle due figure di spicco: Betta e Don Cesare. L’una si trova a ripercorrere stati d’animo nelle mappe della sua memoria di bambina per riuscire in qualche modo a bonificare e superare il suo “inferno buio”; l’altro accetta passivamente il ruolo che gli si attribuisce sulla scena dell’esistenza, dibattendosi tra le sue “due anime”. Entrambi introversi e tormentati da incubi ricorrenti e costantemente turbati da larve inconsce. Non meno importanti sono le figure femminili antagoniste di Maria e Savina, dal carattere ambiguo e inquietante.
L’autore ama anche attardarsi in minuziose descrizioni, degne di nota, ove la natura e i suoi paesaggi, suggestivi e misteriosi, sono una rappresentazione simbolica dell’energia e del potere dell’essere umano nel profondo. La stessa descrizione dell’evento sismico s’incastra perfettamente nel tessuto narrativo; esso irrompe per scuotere le fondamenta dell’ego e della mente quale disagio psicologico e senso desolato del destino che, sottilmente, gioca sulle corde dell’anima.
Sfondo misterioso e dal carattere simbolico è anche l’immagine della luna, rappresentata come la zona notturna, inconscia e crepuscolare della personalità e della vita infantile; una luna che è il versante passivo ma fecondo dell’immaginazione.

Un’ingannevole logica orienta la fabula e s’impone come se l’autore stesso interrogasse e analizzasse chi in realtà non è unicamente personaggio bensì un vero e proprio Essere seppur incompleto, frammentato e perso negli oscuri meandri dei suoi ricordi.
È doveroso osservare ogni angolatura del testo per riuscire a classificarne correttamente il genere, dato che vari elementi suggeriscono un possibile legame con il romanzo psicologico e introspettivo, senza ignorare un’impostazione di stampo realistico di una narrazione inventata ma al tempo stesso verosimile, in cui l’inquietudine e il senso di colpa rispecchiano la forma più comune di angoscia della nostra cultura.  Con tale opera inoltre, Filidoro ha dato prova di straordinarie intuizioni di ordine sociologico per giungere infine a un’analisi dell’animo umano, propria del romanzo decadente. Continui flussi di coscienza riportano ogni vicenda del passato in superficie; in particolare Betta e Don Cesare sono sottoposti a tormenti continui e traumi interiori sentendosi vittime di voci opposte, di contrasti cupi anche se diversi nelle loro sorgenti personali. Ogni figura qui descritta è un essere a sé che si auto-analizza, si esamina, si scruta e si tormenta nel rivivere fantasmi del passato che appaiono del tutto personali seppur strettamente collegati, talmente forti e insistenti da far desiderare persino la morte quale liberazione da essi.  Lo stesso desiderio di espiazione costringe il co-protagonista Salvo a rianalizzare, in cella, le zone più oscure del suo passato, afflitto dal tormentoso ricordo di un amore bello ma malato, reso quasi perfetto dalla volontà di non esistere più.

Nonostante la ricchezza dell’intreccio, qua e là disseminato di elementi noir, ci troviamo di fronte a una prosa limpida e dai toni pacati che predilige una struttura squisitamente tradizionale, a sottolineare capacità narrative e introspettive notevoli. Non manca la tecnica espressiva che si evidenzia nelle sequenze in carattere corsivo nello specifico letterario dell’analessi. Un insieme di elementi, fitti rimandi alla narrativa proustiana e bufaliniana, induce a riflettere sui tanti quesiti che l’uomo è portato per sua natura a porsi e soprattutto su quel grande e unico perno intorno a cui girano la mente e il cuore dell’uomo a seguito di traumi vissuti, la cui essenza va assolutamente indagata. L’assoluto protagonista nonché tema centrale del romanzo è, dunque, il tormento interiore di una memoria implicita, reclusa negli incubi più difficili da sopportare, un’impronta indelebile di conflitti di una coscienza che implode nell’io e governa l’intera esistenza.
L’ultimo bagliore di Giuseppe Filidoro è senza alcun dubbio un mezzo espressivo attraverso cui è possibile porsi domande fondamentali sulla propria esistenza, riscoprendo traumi e dubbi in grado di trasmettere alchimie interiori intrise di significati che troppo spesso tengono in ostaggio menti rassegnate e incapaci di accettare il corso del destino, con un costante interrogativo: esiste davvero un “ultimo bagliore” che possa condurre verso un ideale ultraterreno, di libertà da noi stessi?











25 gen 2017

Michela Zanarella: la poetessa delle "immagini"


https://www.produzionidalbasso.com/project/le-parole-accanto/



Presentazione del progetto

Interno Poesia è lieta di annunciare l’avvio di un nuovo progetto di crowdfunding per la prevendita dell’opera Le parole accanto di Michela Zanarella (prefazione di Dante Maffia). Scopo della campagna, organizzata in collaborazione con Produzioni dal Basso, è coinvolgere e rendere protagonisti lettori e scrittori in un processo partecipativo che prevede la prenotazione di una o più copie del libro in corso di edizione.
 

Invito alla lettura

Dalla prefazione di Dante Maffia
"Michela Zanarella è ormai scrittrice affermata e conosciuta, una che la poesia la scrive e la legge con attenzione e con passione e che sa coniugare la propria biografia con le accensioni che le vengono dagli altri, con atti di agnizione che sono la fermezza della sua lealtà innanzi tutto con se stessa e poi con il mondo.
Le parole accanto è un libro la cui scrittura è sapiente e pacata e riesce a cogliere sfumature essenziali capaci di illuminare aspetti reconditi della realtà e della psiche. Si avverte che l’esperienza personale, anche all’interno degli affetti più intimi, ha lasciato tracce indelebili che tornano a dettare ombre, eppure non troviamo il minimo di recriminazione, non troviamo anatemi. La poetessa ha assorbito tristezze e dolori e ne ha fatto parole di poesia con un semplicità che, come vado sostenendo da decenni, è il solo mezzo per riuscire ad ottenere della vera poesia, quella che rinnova la sostanza della realtà e perfino della verità...".
 
 
Apro la pelle ai giorni
 
Apro la pelle ai giorni
e mi faccio coraggio
oggi per domani e domani ancora
fino ad innamorarmi della notte
e poi del giorno
come se fossi al primo inchino
alla vita.
Perché non posso spaventarmi
della prima ombra che appare
o della ferita che sanguina appena.
Allora cammino a piedi scalzi
tra le cose
inciampo cado mi rialzo
e consumo gli occhi ad esplorare il cielo
pur di non perdermi nemmeno un attimo
della luce che nasce
o del sole che si spegne nella sera.
Conservo anche l’odore delle macerie
ed il peso delle lacrime
sulle guance
senza smettere di amare
quel poco che basta
per dare un senso al fiore
o al ramo che si spezza.
 
 
Vengo a respirare
 
Vengo a respirare
dai tuoi confini lontani
e ci trovo tutto l’amore che non ho mai capito
io che ti ho sentito madre troppo tardi
terra impastata nella nebbia
fatta di cielo mai limpido e in lotta con il tempo.
Poso lo sguardo dove si ferma anche il vento
nella semina che sa di grano ormai maturo
e chiudo nel cuore quel colore
che ha l’odore del pane e delle stanze di casa.
Ti sento radice che indossa le mie vene
meta che ho lasciato troppo presto
sperando di trovare altrove
il senso del mio canto.
E intanto
vado con la mente dove il fiume si sveglia
in quel silenzio che cammina tra i campi
fino a sera.
E resto tra le distanze a cercare quel poco sole
sempre incerto
che mi ricorda che un giorno farò ritorno
tra i fili d’erba e le strade di polvere
dove sono stata bambina.
 
 
Dove la brenta
 
È l’odore di nebbia
che mi rassicura.
Sto nelle schiene verdi
della mia terra
dove la Brenta
ha rami limpidi
e voci silenziose.
Mi è cresciuto in vena
quel docile orizzonte
fragile di sole
e so dove hanno fermento
le nuvole.
Legata ai vezzi del cielo
lascio che il tempo smuova
le sorti della pianura.
Se ascolto la pelle
vedo lembi di fiume
e ad un palmo la mia origine.
 
 
Mi accompagna la notte 
a Pier Paolo Pasolini
 
Mi accompagna la notte
nei vicoli vuoti di periferia
ed è un andare ardente
di silenzi
come le tue barbare verità,
strette in un vivere
troppo umano.
Le parole escono sfrontate
dietro ombre abbandonate
agli sfoghi del tempo.
Non è che buio
quello che resta
come un vento che scotta
e spaventa.
Ed io che sono partecipe
di una tempesta ancora accesa
dico che non è giusto
quel dolore che ti hanno imposto
nella sera più cupa
cuore d’inverno
tramando il tuo inferno
all’idroscalo.

 

L'autrice

Michela Zanarella è nata a Cittadella (PD) nel 1980. Dal 2007 vive e lavora a Roma. Ha pubblicato le seguenti raccolte di poesia: Credo (2006), Risvegli (2008), Vita, infinito, paradisi (2009), Sensualità (2011), Meditazioni al femminile (2012), L’estetica dell’oltre (2013), Le identità del cielo (2013). In Romania è uscita in edizione bilingue la raccolta Imensele coincidente (2015). È inclusa nell’antologia Diramazioni urbane (2016), a cura di Anna Maria Curci. Autrice di libri di narrativa e testi per il teatro, è redattrice di Periodico italiano e Laici.it. Le sue poesie sono state tradotte in inglese, francese, arabo, spagnolo, rumeno, serbo, greco, portoghese, hindi e giapponese. Ha ottenuto il Creativity Prize al Premio Internazionale Naji Naaman’s 2016. È ambasciatrice per la cultura e rappresenta l’Italia in Libano per la Fondazione Naji Naaman. È alla direzione di Writers Capital International Foundation. Socio corrispondente dell’Accademia Cosentina, fondata nel 1511 da Aulo Giano Parrasio.

 

19 gen 2017

MEDITERRANEO FESTIVAL CORTO 2017










                                                 

CineCircolo“Maurizio Grande”
Via Cavour, 4 – 87023 Diamante (CS)



Bando 2017
MEDITERRANEO FESTIVAL CORTO
(Cùrt’ e màlcavàt)

Il CineCircolo Maurizio Grande, con sede in Diamante (CS) in Via Cavour N° 4, con il Patrocinio del Comune di Diamante - Assessorato alla cultura turismo e spettacolo, in collaborazione con la rivista online MATCHNEWS e l’Accademia italiana del peperoncino, indice la settima edizione del “MEDITERRANEO FESTIVAL CORTO”, concorso internazionale per cortometraggi che si svolgerà a Diamante (CS) nei giorni 1-2-3 Settembre 2017, con la prestigiosa partecipazione del Festival internazionale “A Corto di Donne” di Pozzuoli, il Festival internazionale “La Lanterna” di Genova e l’Ass.ne Culturale di Fermo “Armonica-Mente - di Villa in Villa”.
Il Festival si articolerà in tre serate: la prima vedrà una introspettiva su Peppino Impastato, con proiezioni e dibattiti sulla sua vita e il suo impegno contro le mafie; la seconda serata sarà incentrata parte su un talk dal tema “Cinema e Teatro”, con la partecipazione di esperti del settore, parte sulle proiezioni e premiazioni di alcuni dei film vincitori del Festival; la terza serata verterà sulle proiezioni e premiazioni dei restanti film vincitori del MEDITERRANEO FESTIVALCORTO.
Art. 1) – Lo scopo del Festival è promuovere la forma espressiva e artistica del cortometraggio di autori e case di produzioni indipendenti, operanti non solo nell’area mediterranea.
Art. 2) – Possono partecipare al concorso opere realizzate in Italia e all’estero, purché rientranti in quanto descritto nell’Art. 1 del presente Bando.
Art. 3) – E’ previsto il pagamento di una quota di Euro 5,00 (Cinque) per ogni cortometraggio inviato, quale contributo per le spese di organizzazione del Premio, da versare tramite bonifico sul conto corrente Bancoposta IT 45 C 07601 16200 001031262999 intestato al Cinecircolo Maurizio Grande, via Cavour, 4 - 87023 Diamante (CS), indicando nella causale l'iscrizione al suddetto concorso. L’attestazione del versamento dev’essere allegata alla documentazione da inviare con l’opera, pena l’esclusione dal concorso. E’ possibile partecipare ad una o più sezioni, pagando le rispettive quote per ogni film inviato.
Art. 4) – Sono previste due sezioni, e per entrambe la durata dei lavori non dovrà superare i 20 (venti) minuti titoli inclusi (saranno ammesse opere con piccoli scarti in eccesso). In particolare:
Sez. A: Il tema sarà libero così come il genere (fiction, documentario, animazione, ecc.).
Sez. B: Scuole. Il premio, a tema libero, vorrà premiare il migliore film realizzato da alunni delle scuole dell’obbligo e/o da alunni delle scuole superiori.




                                                                                  CineCircolo“Maurizio Grande”
Via Cavour, 4 – 87023 Diamante (CS)
       

Art. 5) – I premi verranno così assegnati:
Miglior Cortometraggio:                500,00 Euro + targa + pergamena motivazione
Migliore Fotografia:                       Targa + pergamena motivazione
Premio Stampa Matchnews:          Premio Matchnews + pergamena motivazione
Migliore Attore/Attrice:                 Targa + pergamena motivazione
Migliore Colonna Sonora:             Targa + pergamena motivazione
Menzione Straordinaria:                Targa + pergamena motivazione, con consegna in una serata di proiezione "ad hoc" nel mese di Dicembre 2017.
Per la Sezione Scuole:
Miglior Cortometraggio:                Targa “Armonica-Mente - di Villa in Villa” + pergamena       motivazione.

Art. 6) – I cortometraggi in lingua straniera devono essere sottotitolati in lingua italiana.
Art. 7) – I cortometraggi potranno essere inviati alla segreteria del premio mediante spedizione postale all’indirizzo: Cinecircolo Maurizio Grande – Via Cavour, 4 – 87023 Diamante (CS) entro e non oltre il 15 Luglio 2017 (farà fede il timbro postale), oppure mediante spedizione elettronica del file (.mov, .avi, .mp4) tramite wetransfer o similari all’indirizzo di posta elettronica cinecircolomauriziogrande@gmail.com o ancora predisporre l’accesso e la possibilità di scaricarlo sulle più comuni piattaforme video (Vimeo, Dropbox, ecc.), avendo l’obbligatorietà di inviare entro la data di scadenza sopra riportata tutti i documenti richiesti dall’Art. 8 del presente bando di concorso. Le opere si considerano iscritte al concorso soltanto al ricevimento dei documenti richiesti all’Art. 8 del presente bando. L’invio di tutto il materiale richiesto è a carico dei partecipanti.
Art. 8) – Ogni cortometraggio dovrà essere accompagnato dalla scheda di iscrizione, dalla liberatoria e dalla dichiarazione per il Festival 2017, compilate in ogni parte, e dalla ricevuta del versamento effettuato (documenti obbligatori); da una o più foto di scena in formato digitale, dalla locandina del film ove questa fosse disponibile e un curriculum del regista (documenti facoltativi ma fortemente consigliati). Ogni autore è responsabile del contenuto dell’opera presentata.
Art. 9) – L’organizzazione non è responsabile di danni o perdita dei materiali durante il tragitto di invio degli stessi a mezzo posta o durante la ricezione on-line dei file.
Art.10) – Con l’iscrizione al Festival gli autori accettano integralmente gli articoli del presente bando, nonché a far fronte a tutti gli adempimenti richiesti, pena l’esclusione dal concorso. L’assenza di una sola delle voci obbligatorie elencate nell’Art. 8 non consentirà l’accesso alle selezioni e l’eventuale perdita della quota eventualmente già versata.



CineCircolo“Maurizio Grande”
Via Cavour, 4 – 87023 Diamante (CS)




Art. 11) – Una commissione, designata e composta anche dagli organizzatori, effettuerà la selezione delle opere iscritte, decretando le opere vincitrici. Tutte le opere premiate o segnalate saranno proiettate nelle serate conclusive che si terranno nei giorni 1/2/3 Settembre 2017 a Diamante (CS), appositamente dedicate. Per la sezione Scuole, sarà istituita una commissione di alunni delle classi medie e superiori che decreteranno il film vincitore. I risultati del concorso saranno comunicati a tutti i partecipanti e pubblicati sulla pagina facebook: Cinecircolo Maurizio Grande unitamente ad informazioni su luogo, data e orari della premiazione. Gli autori delle opere vincitrici e di quelle segnalate saranno avvisati anche per telefono.
Art. 12) – La giuria del Festival, che decreterà i vincitori, sarà composta da artisti, esperti, operatori, personaggi attinenti all’ambito del cinema, dell’audiovisivo e dello spettacolo. Le motivazioni della giuria, inappellabili, saranno rese pubbliche il giorno della premiazione. All’organizzazione del Festival spetta la decisione finale sui casi controversi.
Art. 13) – La mancata partecipazione degli Autori, anche per delega, alle serate di premiazione, esonera l’organizzazione da ogni impegno di premiazione. In particolare, è necessaria la presenza di almeno un rappresentante dell’opera vincitrice per poter ricevere il premio in denaro. Nessun rimborso spese è previsto, a qualsiasi titolo, per la partecipazione degli autori e/o loro delegati per la partecipazione alle serate di premiazione, sebbene siano previste convenzioni di vitto e alloggio particolarmente vantaggiose.
Art. 14) – Una selezione dei corti partecipanti potrà essere proiettata durante altre iniziative promosse e organizzate dal CineCircolo Maurizio Grande, utilizzate per diffondere, senza scopo di lucro, la cultura cinematografica, sia in rete che in tv. Le opere premiate potranno essere pubblicate integralmente sulla pagina facebook e sul sito del CineCircolo Maurizio Grande.
Art. 15) – Le opere inviate non verranno restituite e andranno a far parte dell’archivio del Festival.
Art. 16) – La partecipazione al Mediterraneo Festival Corto implica l’accettazione delle condizioni esposte in tutti gli articoli del presente regolamento.
Art. 17) – Ai sensi della legge 196/03 i dati saranno trattati ai soli fini dell’organizzazione del MEDITERRANEO FESTIVAL CORTO.
Per qualsiasi informazione si possono contattare i seguenti numeri:
331/5794601 (Francesco Presta) – 339/7776711 (Ferdinando Romito)
Pagina Facebook:Cinecircolo Maurizio Grande


CineCircolo“Maurizio Grande”
Via Cavour, 4 – 87023 Diamante (CS)




Le dichiarazioni di seguito sono indispensabili per essere ammessi alla partecipazione
LIBERATORIA
Per il Concorso MEDITERRANEO FESTIVAL CORTO 2017

L'autore autorizza il Cinecircolo “Maurizio Grande”, in qualità di organizzatore del Concorso Mediterraneo Festival Corto, all'uso dell'opera inviata ai fini della manifestazione; perciò autorizza la visione al pubblico, l'archiviazione, la pubblicazione del titolo e dei dati salienti del cortometraggio su siti web e supporti cartacei, il tutto senza fine di lucro e nel rispetto delle normative fiscali, civili e penali la cui ottemperanza è a carico dell'autore.

Le opere potranno essere utilizzate per promuovere senza scopo di lucro la cultura Cinematografica, sia in rete che in tv. Le opere premiate potranno essere pubblicate integralmente sulla pagina fb e sul sito del CineCircolo Maurizio Grande.

L'autore pertanto dichiara di assumersi ogni eventuale responsabilità per il contenuto dell'opera, sollevando il CineCircolo Maurizio Grande da ogni responsabilità.

Luogo e data                                                                     
                                                                                                                                                     
( Firma leggibile) 
                                                                                                  _____________________________________
  


                                                              
                                                                      
                                                    CineCircolo“Maurizio Grande                                                  
Via Cavour, 4 – 87023 Diamante (CS)


   DICHIARAZIONE
Per il Concorso MEDITERRANEO FESTIVAL CORTO 2017
Il sottoscritto (Nome e Cognome):__________________________________________________________________
Dichiara di essere Regista o Produttore del Cortometraggio dal titolo: ____________________________________________________________________________________________
E di averne i diritti totali ed esclusivi;
Dichiara di non ledere i diritti di terzi secondo quanto espresso dalla legge 633/1941 in materia di diritto d’Autore;
Dichiara di aver letto e di Accettare integralmente il Regolamento del Concorso;
Accetta che il materiale inviato sia trattenuto dagli organizzatori e conservato con scopi didattico-culturali e promozionali.
Dichiara di non aver nulla a che pretendere per tutto quanto sopra descritto;
Dichiara di essere consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere;
Inoltre il sottoscritto ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 d.lgs. n° 196/03conferisce il proprio consenso al trattamento dei dati personali, anche con strumenti informatici, nell’ambito del procedimento amministrativo attivato con l’iscrizione al presente Concorso e l’inserimento della sua opera nell’archivio dell’organizzazione del Concorso.
Dichiara di aver preso visione del Bando del concorso in oggetto e di accettarne le condizioni.
Luogo e data: _________________________            Firma:__________________________________

Per il consenso al trattamento dei dati art. 7,10,11 legge n° 675/1996 e dell’art. 13 d.lgs.n.196/03



Luogo e data: __________________________          Firma: ___________________________________




DATI DEL CORTOMETRAGGIO
[Compilare al computer o scrivere in stampatello]
DATI DEL CORTOMETRAGGIO
[Compilare al computer o scrivere in stampatello]

Indicare la sezione    A: Tema libero - B: Scuole
Titolo
Regia
Soggetto
Sceneggiatura
Fotografia
Montaggio
Scenografia
Musica
Interpreti
Produzione
Distribuzione
Anno
Formato
Durata
Sinossi


CineCircolo “Maurizio Grande”
Via Cavour, 4 – 87023 Diamante (CS)
 
DATI DELL’AUTORE

Nome
Cognome
Indirizzo
CAP
Città (Prov.)
Telefono
Fax
E-mail
Biofilmografia







Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi della legge 196/2003, e all’utilizzazione dell’opera per proiezioni gratuite a carattere culturale.
Data _____________________________________

Firma ___________________________




http://www.cinemaitaliano.info/conc/02383/2017/bando05231/diamante-mediterraneo-festival-corto-peperoncino.html


14 gen 2017

VI Premio di Poesia “L’arte in versi”: 4 sezioni di partecipazione



VI Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

 L’Associazione Culturale Euterpe di Jesi, con il Patrocinio della Regione Marche, della Provincia di Ancona e del Comune di Jesi, con la gradita collaborazione della Associazione Culturale Le Ragunanze di Roma, della Associazione Verbumlandi-Art di Galatone (LE) e della Associazione CentroInsieme Onlus di Napoli, bandisce la VI edizione del Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” regolamentata dal presente bando.
Art. 1 – SEZIONI
Sez. A – poesia in lingua italiana
Sez. B – poesia in dialetto (accompagnata da traduzione in italiano)
Sez. C – haiku
Sez. D – critica poetica

Art. 2 – ESCLUSIVITÀ
Le opere presentate a concorso dovranno essere INEDITE pena l’esclusione.
Per inedito si intende che il testo non è mai apparso in precedenza in un libro stampato in cartaceo o in digitale dotato di codice identificativo ISBN e parimenti in nessuna rivista cartacea o digitale dotata di codice ISSN. Poesie pubblicate ed apparse su siti personali, blog, pagine di Social e Facebook sono da intendersi inedite.
Le opere presentate non dovranno aver ottenuto un 1°, 2° o 3° premio in un precedente concorso, pena l’esclusione.
È fatto divieto ai soci fondatori ed onorari della Associazione Culturale Euterpe di prendere parte al concorso, pena l’esclusione.
Art. 3 – MINORI
I minorenni possono partecipare al premio ma è necessario che la scheda dati venga firmata in calce da un genitore o da un adulto che ne ha la potestà indicando tra parentesi, in maiuscoletto, il grado di parentela o il legame al minore.
Art. 4 – STRANIERI
Gli stranieri che vivono all’estero partecipano gratuitamente al premio.
Art. 5 – REQUISITI
È possibile partecipare a una o più sezioni.
Alla sezione A si partecipa con un massimo di 3 poesie in lingua italiana a tema libero che non dovranno superare il limite di 30 versi ciascuna (senza conteggiare il titolo, l’eventuale dedica né gli spazi bianchi).
Alla sezione B si partecipa con un massimo di 3 poesie in dialetto a tema libero comprensive di traduzione in italiano che non dovranno superare il limite di 30 versi ciascuna (senza conteggiare il titolo, l’eventuale dedica né gli spazi bianchi).
Alla sezione C si partecipa con un massimo di 3 haiku (5-7-5 sillabe) in lingua italiana.
Alla sezione D si partecipa con un testo critico su un’opera poetica, una silloge, un libro o una poesia singola nella forma di critica letteraria, recensione, analisti testuale o studio di approfondimento. Tale testo non dovrà superare 4 cartelle editoriali pari a 7.200 battute spazi compresi (senza conteggiare il titolo, l’eventuale dedica, né la bibliografia).
Art. 6 – CONTRIBUTO
Per prendere parte al Premio è richiesto il contributo di € 10,00 a sezione a copertura delle spese organizzative. È possibile partecipare a più sezioni corrispondendo il relativo contributo indicato.
Bollettino postale: CC n° 1032645697
Intestato ad Associazione Culturale Euterpe    –    Causale: VI Premio “L’arte in versi”
Bonifico: IBAN:   IT31H0760102600001032645697
Intestato ad Associazione Culturale Euterpe    –    Causale: VI Premio “L’arte in versi”.
Contanti: Nel caso si invii il materiale per posta tradizionale, la quota di partecipazione potrà essere inserita in contanti all’interno del plico di invio.
Gli associati della Associazione Culturale Euterpe regolarmente iscritti all’anno di riferimento (2017) hanno diritto ad uno sconto del contributo pari al 50% per sezione.
Per i partecipanti che vivono all’estero la partecipazione è gratuita.
Art. 7 – SCADENZA E MODALITÀ DI INVIO
Il partecipante deve inviare entro e non oltre il 15 maggio 2017 alla mail arteinversi@gmail.com il seguente materiale:
  • Le poesie/la critica poetica anonima in formato Word (.doc o .docx), ciascuno su un file distinto
  • La scheda di partecipazione appositamente compilata in ogni sua parte
  • La ricevuta del versamento
In alternativa, l’invio di detto materiale potrà essere effettuato in cartaceo (per la scadenza fa fede il timbro postale di invio), e dovrà essere inviato a:
VI Premio Naz.le di Poesia “L’arte in versi”
Associazione Culturale Euterpe
c/o Dott. Lorenzo Spurio
Via Toscana 3
60035 – Jesi (AN)
La segreteria del Premio notificherà a mezzo mail la ricezione dei materiali e la corretta iscrizione al concorso.
Art. 8 – ESCLUSIONE
  1. Saranno esclusi dalla Segreteria tutti quei testi che non siano conformi alle indicazioni contenute nel presente bando e in maniera particolare i testi che riportino il nome, il cognome, il soprannome dell’autore o altri segni di riconoscimento e di possibile attribuzione dell’opera.
  2. Saranno esclusi tutti quei testi che non rispettino i limiti di lunghezza indicati.
  3. Non verranno accettate opere che presentino elementi razzisti, xenofobi, denigratori, pornografici, blasfemi, di offesa alla morale e al senso civico, d’incitamento all’odio, alla violenza e alla discriminazione di ciascun tipo o che fungano da proclami partitici e politici.
Art. 9 – COMMISSIONE DI GIURIA
La Giuria è composta da varie commissioni designate dal Presidente del Premio a rappresentare le varie sezioni a concorso di cui verrà data conto della composizione in sede di premiazione.
Art. 10 – PREMI
Verranno premiati i primi tre vincitori per ciascuna sezione. I premi consisteranno in:
Primo premio: targa, diploma con motivazione, tessera socio Ass. Euterpe anno 2018 e 150€
Secondo premio: targa, diploma con motivazione e 100€
Terzo premio: targa  e diploma con motivazione.
La Giuria procederà a individuare per opere particolarmente meritorie non entrate nel podio ulteriori premi che saranno indicati quali “Menzione d’Onore” e “Segnalati dalla Giuria” e attribuirà altresì il Premio Speciale del Presidente di Giuria, il Trofeo “Euterpe”, il Premio alla Carriera Poetica, il Premio alla Memoria e i premi gentilmente offerti da associazioni amiche che appoggiano il Premio: Premio Speciale “Le Ragunanze” offerto dall’Associazione di Promozione Sociale Le Ragunanze di Roma presieduta da Michela Zanarella, il Premio Speciale “Verbumlandi-Art” offerto dalla Associazione Verbumlandi-Art di Galatone (LE) presieduta da Regina Resta e il Premio Speciale “Centro Insieme” offerto dall’Associazione CentroInsieme Onlus di Scampia (NA) presieduta da Vincenzo Monfregola.
Nel caso in cui non sarà pervenuta una quantità di testi congrua o significativa per una sezione o all’interno dello stesso materiale la Giuria non abbia espresso notazioni di merito, l’Associazione Culturale Euterpe si riserva di non attribuire determinati premi.
Tutti i testi risultati vincitori verranno pubblicati nella antologia del Premio.
Art. 11  – PREMIAZIONE
La cerimonia di premiazione si terrà a Jesi (AN) in un fine settimana di novembre 2017. A tutti i partecipanti verranno fornite con ampio preavviso le indicazioni circa la data e il luogo della premiazione.
I vincitori sono tenuti a presenziare alla cerimonia di premiazione per ritirare il premio o per mezzo di un delegato. In caso di delega questa va annunciata a mezzo mail almeno una settimana prima della cerimonia all’attenzione del Presidente del Premio.
Il delegato avrà diritto a ricevere il premio, ma non il premio in denaro che verrà consegnato solamente al legittimo vincitore.
I premi non ritirati non verranno spediti a domicilio e rimarranno all’Associazione che li impiegherà in successive edizioni.
Si ribadisce che nessun premio in denaro verrà consegnato a persone diverse dal legittimo vincitore.
Art. 12 – PRIVACY E ULTIME
Ai sensi del DLGS 196/2003 e della precedente Legge 675/1996 i partecipanti acconsentono al trattamento, diffusione ed utilizzazione dei dati personali da parte dell’Associazione Culturale Euterpe di Jesi.
Il presente bando di partecipazione consta di dodici articoli, compreso il presente. La partecipazione al concorso implica l’accettazione di tutti gli articoli che compongono il bando.
Lorenzo Spurio – Presidente del Premio / Presidente Ass. Euterpe
Susanna Polimanti – Presidente di Giuria
Elvio Angeletti – Segretario

Info:
Associazione Culturale Euterpe – www.associazioneeuterpe.com –  ass.culturale.euterpe@gmail.com
Tel. 327-5814963 –  Pagina FB: http://tinyurl.com/jkxk2gu
Segreteria Premio “L’arte in versi” – www.arteinversi.blogspot.it – arteinversi@gmail.com  – Pagina FB





SCHEDA DI PARTECIPAZIONE 
Questa scheda è requisito fondamentale per la partecipazione e deve essere compilata in ogni spazio.
Nome/Cognome ____________________________________________________________________
Residente in via ____________________________________________________________________
Città _____________________________ Cap ___________________Provincia__________________
Tel. _____________________________________ E-mail ___________________________________
Partecipo alla sezione:
□ A –Poesia in lingua italiana                           
con il/i testo/i dal titolo/i_____________________________________________________________________________
_________________________________________________________________________________
□ B – Poesia in dialetto   (specificare dialetto: _______________________________)      
        
con il/i testo/i dal titolo/i________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
□ C – Haiku
□ D – Critica poetica
con il testo dal titolo  
__________________________________________________________________________________
L’autore è iscritto e tutelato dalla SIAE?         □  SI               □  NO
I testi presentati al concorso sono depositati alla SIAE?        □  SI               □  NO
Se SI indicare quali testi ______________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
□ Dichiaro che il/i testi che presento è/sono inediti, in linea con quanto richiesto dal bando all’art. 2.
□ Dichiaro che il/i testi che presento è/sono frutto del mio ingegno e che ne detengo i diritti a ogni titolo.
□ Autorizzo l’Associazione Culturale Euterpe a pubblicare il/i mio/miei testo/i all’interno dell’opera antologica del premio senza nulla avere a pretendere né ora né in futuro.
 □ Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi della disciplina generale di tutela della privacy ( L. n. 675/1996; D.Lgs n. 196/2003) allo scopo del concorso in oggetto e per le iniziativa organizzate dalla Associazione Culturale Euterpe.
 □ Sono a piena conoscenza della responsabilità penale prevista per le dichiarazioni false dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000.
Data_____________________________________ Firma ___________________________________



http://www.comune.jesi.an.it/opencms/export/jesiit/sito-JesiItaliano/Contenuti/Eventi/2014/visualizza_asset.html_1429456632.html